OMOCISTEINA, PEGGIO DEL COLESTEROLO

 

 

Non è solo il colesterolo a costituire un pericolo per il cuore. L’omocisteina (una molecola naturalmente presente nel nostro corpo) costituisce una minaccia forse ancora più importante perché agisce in maniera indipendente dalla presenza di altri fattori di rischio, quali potrebbero essere l’obesità e il colesterolo elevato. Ciò espone anche i soggetti magri a rischio di sperimentare un evento cardiaco.

Cosa fare? Molti erroneamente pensano che si debbano ridurre la carne e i prodotti animali in genere.  È un errore. L’assunzione di proteine si è dimostrata inversamente collegata con le concentrazioni di omocisteina nel sangue. Le popolazioni carnivore hanno infatti concentrazioni più basse. Ciò conferma la possibilità di un’azione cardioprotettiva da parte della carne.


PIÙ CARNE = MENO OMOCISTEINA = MENO EVENTI CARDIOVASCOLARI


La dieta per l’omocisteina alta deve comprendere adeguati livelli di acido folico, vitamina B12, B6, B2 e zinco.

 

Quindi carne e uova per zinco, B6 e B12, latte per la B2 e poi naturalmente vegetali per l’acido folico. Contrariamente a quello che si pensa, l’omocistenina si alza potenzialmente con più facilità nei vegani.

 

Questo potrebbe spiegare il cosiddetto “paradosso asiatico”, ossia un’incidenza relativamente alta di eventi cardiaci, malgrado i bassi livelli di colesterolo LDL e la bassa prevalenza dell’obesità, in vegetariani dell’India che consumano una dieta alta in carboidrati raffinati (riso) e relativamente povera in proteine animali. Paradossalmente, infatti, l'omocisteina si alza anche di più con una dieta vegana (1, 2, 3, 4, 5, 6).

L’omocisteina elevata comporta anche un maggior rischio di tumore al colon. Ma questo non vuol dire che la carne faccia male. Il vero problema è che noi onnivori mangiamo sempre meno frutta e verdura. Questo può spiegare perché chi consuma meno delle cinque porzioni raccomandate di frutta e verdura, se confrontato con coloro che hanno assunzioni più alte, presenta un’incidenza circa doppia di molti tipi di cancro. Ma di nuovo questo non significa che i prodotti animali facciano male.

Anche un cardiopatico può tranquillamente mangiare carne. E invece capitano quei campioni in studio che mangiano il cornetto a colazione e ti dicono che vogliono evitare la carne perché hanno letto che "fa male". Un cardiopatico sovrappeso e inattivo che faccia la spola tra poltrona dell’ufficio e divano di casa, invece di pensare a sciocchezze come evitare la carne, deve per prima cosa calare di peso. E si cala di peso muovendosi e con una dieta che comprenda in maniera varia ed equilibrata tutti gli alimenti “sani” (non il cornetto, ovviamente) del proprio ambiente.

 

Fate i pazienti, non i terapeuti. Cosa ci andate a fare da un nutrizionista se già in partenza volete fare l’opposto di quello che vi si consiglia? Trovatevene uno che vi assecondi come i pazzi.

 

BIBLIOGRAFIA


  1. Gao X1, Yao M, McCrory MA, Ma G, Li Y, Roberts SB, Tucker KL, Dietary pattern is associated with homocysteine and B vitamin status in an urban Chinese population, J Nutr, 133 (11), 3636-42, 2003. 
  2. Krivosíková Z, Krajcovicová-Kudlácková M, Spustová V, Stefíková K, Valachovicová M, Blazícek P, Nĕmcová T, The association between high plasma homocysteine levels and lower bone mineral density in Slovak women: the impact of vegetarian diet, Eur J Nutr, 49 (3), 147-53, 2009.
  3. Karabudak E, Kiziltan G, Cigerim N, A comparison of some of the cardiovascular risk factors in vegetarian and omnivorous Turkish females, J Hum Nutr Diet, 21 (1), 13-22, 2008.
  4. Obersby D, Chappell DC, Dunnett A, Tsiami AA, Plasma total homocysteine status of vegetarians compared with omnivores: a systematic review and meta-analysis, Br J Nutr, 109 (5), 785-94, 2013.
  5. Hung CJ, Huang PC, Lu SC, Li YH, Huang HB, Lin BF, Chang SJ, Chou HF, Plasma homocysteine levels in Taiwanese vegetarians are higher than those of omnivores, J Nutr, 132 (2), 152-8, 2002.
  6. Huang YC, Chang SJ, Chiu YT, Chang HH, Cheng CH, The status of plasma homocysteine and related B-vitamins in healthy young vegetarians and nonvegetarians, Eur J Nutr, 42 (2), 84-90, 2003.



Write a comment

Comments: 0