Fancazziste 2.0



Nella maggior parte delle palestre in cui sono stato c'è sempre stata una scena costante, che si sviluppa nei seguenti passaggi:

1) un gruppetto di tre esseri di sesso femminile, di età variabile ma sempre mediamente sovrappeso, esce dallo spogliatoio e attraversa la sala attrezzi parlottando mentre si reca nel locale per discipline per diversamente abili (zumPa, fit-pump, nascondino, acchiapparella, palla avvelenata...). A volte la scena si palesa anche in senso inverso, dalla sala-circo allo spogliatoio;


2) le tre finiscono per passare nelle vicinanze di qualche ragazzo che è impegnato ad allenarsi seriamente; 

3) il ragazzo si lascia andare un gemito da sforzo;

4) le dementi, quelle che dovrebbero ridere di se stesse dalla mattina alla sera per il proprio fancazzismo, hanno sempre, inevitabilmente la stessa reazione:
- se giovani, prendono a darsi di gomito e a ridacchiare;
- se mature, assumono espressione disgustata.

E hanno trasformato il Tempio della sofferenza in una sala da tè.

Ma io dico, c'erano le discoteche per voi, i bar, i pub, i centri commerciali, i centri sociali, le balere, le pizzerie... E invece siete riusciti a entrare in un posto che solo vent'anni fa vi avrebbe sputato fuori come parassiti.

Questo è il prezzo che ci tocca pagare per aver reso le palestre un bivacco per gente che non 
ha voglia di fare un cazzo.

Write a comment

Comments: 0