Medici e alimentazione

 

 

Lavoravo presso una Asl. Ero stato invitato a relazionare ad un convegno sul ruolo della dieta nella prevenzione del tumore al seno. Ero entusiasta di prendervi parte, ma il giorno prima dell'evento la notizia giunse al dirigente supremo del mio reparto (un medico, ovviamente), che mi impedì di relazionare con la seguente motivazione: "Prevenzione con la dieta? Ma quando mai. E del tumore alla mammella, poi... Certo, se vogliamo parlare di aria fritta...".

Capite in che mani siamo?

E indovinate un po' chi andò a parlare... Ovvio, lui. E indovinate di che parlò... Esattamente di aria fritta: "Noi siamo questo, noi siamo quello, presso il nostro servizio facciamo questo, facciamo quell'altro, saluti e baci".

La prevenzione dietetica del tumore, in particolar modo di quello al seno, è ormai una realtà. Una realtà consolidata (non una certezza, si badi), se solo i medici smettessero di stare arroccati sulle proprie convinzioni medioevali. Per fortuna ci sono professionisti come il dottor Berrino, che di questa tematica hanno fatto una bandiera.

Attenzione, questo non significa affatto che la dieta possa rappresentare la terapia. L'alimentazione deve essere unicamente intesa come supporto. So di gente che per attenersi a principi balordi basati sul "naturalismo" rifiuta le cure mediche preferendo credere a sciocchezze come la ricerca dell'alcalinità, il bicarbonato, l'aloe vera... E per stare dietro a queste fesserie finisce per lasciarci le penne. Non sto scherzando, parlo di gente che è realmente morta per aver rifiutato le terapie convenzionali. Quando è necessaria, la chemioterapia va fatta senza esitazione, con tutti i suoi effetti collaterali.

Giusto per restare in tema, è di pochi giorni fa la visita di un paziente presso il mio studio, che mi diceva di essere convinto di poter guarire dal diabete evitando cibi acidi come la carne e le proteine in generale, solo perché lo aveva letto in giro.

È per questo che su queste pagine non lascio il diritto di parola a chiunque.

 

 

 

 

 

Write a comment

Comments: 0